Giovani italiani in cerca di fortuna a Londra

Giovani italiani in cerca di fortuna a Londra

[ad_1] I giovani fuggono all‛estero, è un dato ormai assodato. Siamo andati a Londra per conoscere alcuni italiani che sono in cerca di un lavoro. Nella capitale britannica sono ormai tantissimi. La capitale inglese, con 250mila connazionali residenti, sarebbe la 13° città italiana davanti a città come Verona. Il grande esodo non si ferma nemmeno di fronte ai dati Istat che indicano un lieve miglioramento dell‛economia italiana. [ad_2]

26 комментариев

  1. uno psicologo, fa il pizzaiolo, meno male pensate se avesse itrapreso la carriera, poveri pazienti

  2. Receptionist piccolo lavoretto ahaha. Ma chi è che dice stre stronzate

  3. Io sono qui da 2 anni e 4 mesi ho cambiato un pochino di lavori perché non mi trovavo bene e adesso lavoro da Costa Coffee e mi trovo abbastanza bene. Se stavo in Italia continuavo a fare la vita del disoccupato. Il mio paese mi ha lasciato nella merda e adesso che sono qui la mia vita è cambiata radicalmente e spero di non ritornare in Italia

  4. Italiani rompono le balle dappertutto

  5. Psicologo e fa le pizze a Londra. Un vero successone insomma.

  6. Venite a Milano invece di andare a Londra, qui tutto è in crescita ed in evoluzione, certo, ci si deve fare il culo come a Londra

  7. Allora lo stage gratuito in England è ok, in Italia no, spettacolare poi lo psicologo che ha rifiutato il tirocinio per quello per cui aveva studiato qui e si è trasferito in Inghilterra a fare il pizzaiolo. Il dramma è che reti come La7 incentivano questo tipo di scelte è le fanno passare come geniali

  8. Quello laureato in ingegneria che non trova lavoro in Italia è come al solito una grande cazzata, a meno che non si sia laureato in ingegneria della comunicazioni (non telecomunicazioni) ossia l'ingegneria delle merendine.

  9. Tutti con lauree del buco di culo

  10. Devo dire purtroppo, alla bella età di 55 anni ,ora ne ho 58, sono arrivato a londra, grazie ad un amico che lavora li da 10 anni, faccio il lavapiatti x 7,50 paunds x ora 60 sterline al giorno x 5 giorni, lavoro x un agenzia pachistana che e come il caporalato nel sud italia, senza ferie, senza diritti, vivo in una camera 5 x 5 metri bagno in comune, 550 sterline al mese tutto incluso, 200 sterline al mese di metro, mi rimangono 3 . 4oo sterline , meglio di niente.

  11. 1:30 che cosa? Il pizzaiolo lo potevi fare benissimo in italia. Bah io non vi capisco di solito si va all'estero per trovare un lavoro migliore non quello che vi capita. Povera mentalità italiana

  12. Ma perché solo Londra non capisco, io sono andato a Bristol molto più a misura d'uomo.

  13. Che sfigati.. quanta ignoranza

  14. Stage non retribuito a Londra va bene, in Italia invece è sfruttamento e sono tutti indignati 🙂

  15. Perché non avete intervistato qualcuno con una laurea utile?

  16. Tutti radical chic scansafatiche in italia, e poi vanno a londra a pulire i cessi per 2 euro al mese, però a londra fa figo, mentre qua no, ma sparatevi, anzi andate tutti la cosi qua ce piu spazio per me

  17. 2:11 Gestionale? Del suono ? Vai a fare civile meccanica informatica automazione e aerospaziale, se non sei gestionale e del suono allora mi preoccupa.

  18. Se devo fare il pizzaiolo con una laurea in psicologia vado a Londra solo perché è più FIKKA rispetto al mio paese merdoso di provincia. Ciò nonostante butto via gli anni di studio e tutti i sacrifici fatti….discutibile

  19. quasi tutti quelli di questo video non mi sembrano molto furbi, si fanno sfruttare per pagare 900 euro per una stanza minuscola.

  20. una cosa voglio dire ai nullafacenti italiani rimasti in Italia. I ragazzi che vanno all'estero fanno un'esperienza di vita che voi ve la sognate e che mai potrete capire, perchè basta che vi levano il videogame e le seghe in chat vi sentite persi ! nella vita conta anche l'esperienza acquisita e imparare la lingua in modo che se si ritornerà in un domani in Italia , ritorni più fortificato che mai sia mentalmente che di comunicazione. ma voi che cazzo ne potete sapere segaioli da tastiera? batsa che non vi levano quelle 4 puttanate che fate al giorno e non dormite fino alle 2 del pomeriggio , manco una camicetta vi sapete stirare, andate all'estero vi sentite persi Dio melma !

  21. Certo il cameriere con un laurea in ingegneria e un ottimo risultato. E soprattutto in Italia non avresti mai potuto farlo. Per favore.. (nulla da togliere ai camerieri per carità, è il principio del video che mi sembra ridicolo)

  22. ma perché la gente deve sempre giudicare? criticate persone che neanche conoscete, molti di voi non hanno mai vissuto all'estero e ne mai ci proveranno, già solo vivere in un paese che parla una lingua diversa dalla tua non deve essere cosi semplice, oltre a leggi, abitudini e altre cose diverse… ma perché la gente si arrabbia e litiga per queste cose??? bwhoa

  23. Hello everyone! Se state pensando anche voi di trasferivi o visitare la Gran Bretagna date un'occhiata al mio nuovo canale youtube per migliorare l'inglese 🙂
    Io mi sono trasferita a Londra a 19 anni ed e' vero e' la terra dell'opportunità e della meritocrazia se sei determinato e hai voglia di fare tanti sacrifici, ma mi manca tantissimo l'Italia e lo stile di vita di noi italiani, peccato non possa fare lo stesso lavoro lí.

  24. Da 10 anni in UK… mi manca l'Italia, ma qui mi trovo benissimo!
    Finalmente non vedo solo i raccomandati andare avantie fare carriera.
    Finalmente non sono le mazzette a far crescere lavorativamente una persona, ma le proprie abilità!
    Italiano nel cuore, ma contento della scelta fatta!

  25. "Alla fine i sacrifici ripagano quasi sempre"…???una delle frasi piu sbagliate…vivo a Londra da 7 anni e sono l'unico ad essere uscito dalla schiavitù dei ristoranti. Gli altri italiani sono ancora bloccati là o andati via. Fate un video al mese su Londra, ma che vi paga la regina per la pubblicità?

  26. io parlo per me,tutto ha inizio dal numero di giornate di sole annue perciò X rossa,El Paso Texas ad esempio 302 giorni di sole all'anno e X verde

Leave a Reply